sabato 28 febbraio 2015

Storia della moviola: Lazio-Juventus del 22 gennaio 1967, la prima grande discussione

"SPORT IN TV", IL LIBRO DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA.




PER EVENTUALI ULTERIORI INFORMAZIONI SU "SPORT IN TV" SCRIVI A
pinofrisoli@yahoo.it
.


LEGGETE SU GAZZETTA.IT QUESTO BELLISSIMO ARTICOLO SUL GRANDE SHOW DELLO SPORT IN TV E CLICCATE SUL MI PIACE
http://www.gazzetta.it/Libri/10-01-2012/tra-storia-dietro-quinte-grande-show-sport-tv--804256828201.shtml


siti web

Vi abbiamo detto che la moviola compie 50 anni, essendo stata introdotta per la prima volta nella Domenica Sportiva del 28 febbraio 1965, puntata numero 589, da Enzo Tortora nella sua prima puntata da conduttore della storica trasmissione. Quel giorno venne proposto il gol del 2-0 di Rivera in Milan-Messina, finita proprio 2-0.
In questo post però noi vogliamo parlarvi del primo vero grande caso da moviola che il 22 gennaio 1967 fece discutere l'Italia. Stiamo parlando del gol dello juventino De Paoli non visto dall'arbitro De Marchi. Lo facciamo, anche approfittando dei 50 anni della moviola, con la speranza di fare definitivamente chiarezza visto che ancora oggi c'è chi sostiene sbagliando che il primo caso controverso discusso alla moviola è stato il 22 ottobre 1967 per un gol dubbio concesso a Rivera in un Inter-Milan di campionato. Per voi ecco dunque il fotogramma del discusso episodio di Lazio-Juventus tratto dal "Corriere della Sera" del 23 gennaio 1967.


Questo il testo della didascalia sotto la foto:
La prova della TV - La televisione ha dedicato ieri sera - nel corso della "Domenica Sportiva" - un accurato servizio al gol fantasma di De Paoli nell'incontro Lazio-Juventus. Dapprima è stata proiettata una sintesi filmata dell'intera partita: successivamente è stata ripetuta più volte al rallentatore l'azione del gol negato dall'arbitro De Marchi ai bianconeri. Secondo quanto è risultato dalle riprese televisive , non sembrano esservi dubbi: la palla calciata dal basso in alto da De Paoli era entrata in rete. Poi la sfera è ricaduta e Cei è stato lesto ad agguantarla. La foto che pubblichiamo è stata scattata durante la ripresa filmata dalla TV: la freccia indica il pallone che - come si può notare - è all'interno della porta laziale. Nel fotogramma successivo il pallone sarà interamente coperto dalla traversa e si vedrà Cinesinho (numero 6) alzare le braccia in segno di esultanza per la segnatura. La sintesi filmata di Lazio-Juventus in TV ha svelato un altro particolare sfuggito ai più dalla tribuna: una pedata affibbiata da Anzolin all'attaccante laziale Mari che era caduto a terra assieme al portiere juventino nel tentativo di colpire di testa un "cross". (foto ANSA)

Gino Palumbo, uno dei maestri del giornalismo sportivo italiano, nell'articolo dal titolo "Atteggiamento inaccettabile" pubblicato sul "Corriere della sera" del 24 gennaio 1967, scrisse tra l'altro: "C'è gran putiferio nel campionato: il girone di andata si è concluso con lo "scandalo" di Roma dove l'arbitro De Marchi ha negato alla Juventus un gol che già era apparso evidente a tutti gli spettatori sul campo, e la ripresa televisiva ha indiscutibilmente confermato. Quel gol - realizzato al 7' della ripresa - avrebbe potuto assicurare alla squadra bianconera la vittoria sulla Lazio e quindi il raggiungimento dell'Inter sulla vetta della classifica. (...) Se appena ci si sofferma ad esaminare l'andamento delle partite ci si accorge che il campionato, per quel che riguarda gli errori degli arbitri, è regolato dalla legge di compensazione. D'altronde, volendo cambiare, come si potrebbe fare? Si sente parlare di cellule fotoelettriche e di fotofinish per stabilire con esattezza quando il pallone abbia oltrepassato la linea bianca: s'invoca cioè l'aiuto del progresso. Ma è un'invocazione che - per quanto riguarda le fasi del gioco - non può essere accolta. Il sistema potrebbe essere duplice. Fotofinish: bisognerebbe cioè aspettare ogni volta lo sviluppo della pellicola per sapere se il pallone sia entrato oppur no, prima di riprendere il gioco. Oppure un sistema di fotoelettrica che provochi un segnale - lo squillo di un campanello o l'accendersi di una lampadina - ogniqualvolta il circuito stabilito tra i due pali venga interrotto dal passaggio del pallone. Ma come si fa ad ottenere che il circuito s'interrompa quando passa il pallone, e non s'interrompa invece quando è il corpo del portiere, o di un altro giocatore ad attraversare la fascia di luce? Il fotofinish funziona per le corse, quando cioè sulla linea del traguardo si presentano solo coloro dei quali dev'essere stabilita la posizione; ma sulla linea di porta e talvolta al di là della linea di porta, intervengono oltre il pallone anche braccia, mani, gambe. Tutt'al più si potrebbe organizzare un corpo di giudici di porta, con l'esclusivo compito di controllare se il pallone finisce in rete, come si usa nella pallanuoto, e come fanno nel tennis i "giudici di linea". A chi osserva che il calcio è soltanto un gioco, e per tanto va accettato così com'è, con tutti i rischi che gli inevitabili errori arbitrali comportano, si risponde che ormai sono in ballo troppi vistosi interessi perchè non si debba cercare di ampliare le fonti valide per il giudizio: si potrebbe anche rispondere che è stato un errore legare tanti interessi ad un gioco, e che comunque chi ha accettato di farlo deve anche impegnarsi a rispettarne gli aspetti fondamentali. (...)".
Un articolo ancora oggi di grande attualità e che potete leggere per intero in queste foto,





Solo a partire dalla stagione 1969/70 la moviola divenne fissa nella "Domenica Sportiva" e per anni è stata uno dei momenti più attesi della trasmissione.

In questo video, tratto dalla puntata del 21 gennaio 2011 di "Tempi supplementari" in onda su Rai News, possiamo vedere come Enzo Tortora presentò la moviola quel 28 febbraio 1965.



Della storia della moviola se ne era parlato su Rai News nella trasmissione "Tempi supplementari" del 21 gennaio 2011, condotta da Paolo Pacitti, alla quale avevano partecipato come ospiti Filippo Corsini, oggi conduttore di "Tutto il calcio minuto per minuto" e, collegati da Milano, Filippo Grassia, conduttore della rubrica "La moviola alla radio" su Radio Uno, e Pino Frisoli, storico della Tv e consulente e documentatore per Rai Sport. Ne avevamo parlato lo scorso anno anche in questo post di cui vi indichiamo il link,

STORIA DELLA TV: ENZO TORTORA PRESENTA LA MOVIOLA ALLA DOMENICA SPORTIVA, 1965.



NEL LIBRO "SPORT IN TV", DA NON PERDERE PER TUTTI GLI APPASSIONATI, SI PARLA ANCHE DELLA STORIA DEL CALCIO IN TV. VOLETE SAPERE TUTTO SULLA STORIA DEL CALCIO IN TV? QUESTO E TANTO ALTRO SU "SPORT IN TV". NON PERDETELO!

CLICCA SUBITO PER ACQUISTARE "SPORT IN TV" SU AMAZON.IT A UN PREZZO IMBATTIBILE CON IL 15% DI SCONTO, A 13,60 EURO INVECE DI 16, CON UN RISPARMIO DI 2,40 EURO. NON PERDERE TEMPO, FATTI UN BEL REGALO!

La presentazione di Massimo De Luca del libro "Sport in Tv" fatta con Alessandra De Stefano su Rai Sport 2



DIVENTA FAN DEL LIBRO "SPORT IN TV", UN DIVERTENTE VIAGGIO NELLA STORIA DELLO SPORT, DELLA TV E DEL COSTUME ITALIANO, E FAI SAPERE SE TI E' PIACIUTO

NON PERDETE IL LIBRO "SPORT IN TV. STORIA E STORIE DALLE ORIGINI A OGGI". UNA APPASSIONANTE STORIA DELLO SPORT IN TV DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA. UN GRANDE SUCCESSO DI CRITICA E DI PUBBLICO PER TUTTI GLI APPASSIONATI DI TV E SPORT.

Ecco il sommario del libro "Sport in Tv". Il nome tra parentesi significa che il paragrafo è stato scritto da Massimo De Luca.

Prefazione (Massimo De Luca)
Introduzione

Gli anni del bianco e nero

Prima della televisione
Gli inizi
Il Bologna, prima squadra di calcio italiana ospite in Tv
Carosio, nascita di una leggenda (Massimo De Luca)
Juventus-Milan, la prima partita in Tv
Telecronisti: dai Maestri agli urlatori (Massimo De Luca)
Nasce "La Domenica Sportiva"
Le mille vite della "Domenica Sportiva" (Massimo De Luca)
Italia-Cecoslovacchia, l'Eurovisione e i Mondiali
Calcio in Tv, prime polemiche
Milano-Sanremo, ultimi 300 metri in diretta
Gronchi in ritardo a Monza
I primi anticipi televisivi
Cortina e la caduta di Caroli
Italia-Brasile, la Tv sportiva entra nei cinema
Il Tour de France finalmente in eurovisione
Norrkoeping-Fiorentina, prima diretta Rai di coppe europee
La sintesi della domenica e la nascita di "Tutto il calcio minuto per minuto"
L'Olimpiade di Roma
Il "Processo alla tappa"
Il "Processo alla tappa": un'epopea firmata Zavoli (Massimo De Luca)
Finalmente la mondovisione
Lazio-Juventus, la prima polemica della moviola
Italia-Cipro, arriva il replay
Italia-Bulgaria, il primo sciopero "azzurro" della Rai
Benvenuti-Rodriguez, una diretta molto costosa
Carosio e il guardalinee etiope
La vera storia di Carosio e del guardalinee etiope (Massimo De Luca)
Arriva "90° minuto"

Dal colore alla fine del monopolio

Arriva il colore, ma solo all'estero
Inter-Borussia Moenchengladbach, ci guadagna anche il Bologna
Babelis, la Tv del Rimini
Monaco '72, l'illusione del colore
La partita a telecamere fisse
La Tv svizzera italiana, prima alternativa alla Rai
Capodistria, la prima Tv tematica sportiva
Telemontecarlo, da "Puntosport" a "Galagoal"
Il ministro Togni vieta i Mondiali a colori
Il maxischermo del Palalido
Majorca e le prime imprecazioni in diretta Tv
La domenica del silenzio e la telecronaca quasi muta
"Tutto il calcio minuto per minuto" approda in Tv
Montreal 1976, torna il colore
Italia-Inghilterra e la diretta negata
Vietato giocare di notte in novembre (Massimo De Luca)
Finale Coppa Davis, il no alla telecronaca del Tg2
Coppa Davis 1976, un'emozione rovinata (Massimo De Luca)
Genoa-Torino, anche il campionato è a colori
"Diretta sport", i gol nell'intervallo
"Eurogol", rassegna dei gol delle coppe europee
Perletto, l'uomo che vinse due volte
La replica di Italia-Germania Ovest 4-3 lancia la Rete Tre
Lo sport delle Tv locali
Arriva "Il processo del lunedì"
Inter-Real Madrid, niente diretta per rispetto del pubblico pagante

Molte Tv, molto sport

Mundialito in Uruguay: fine del monopolio Rai
Assalto ai diritti del campionato
Il Mundialito di Berlusconi e la censura Rai
Canale 5 prende i diritti delle coppe e ci prova con l'Olimpiade
Italia-Germania Ovest 3-1, record assoluto di telespettatori
"Tuttocoppe minuto per minuto" arriva in Tv
Coppa Intercontinentale, diretta solo in Lombardia
"Tutto il calcio minuto per minuto", la Tv entra in studio
Il debito del calcio verso la radio (Massimo De Luca)
Real Madrid-Napoli tra Berlusconi, Odeon e Rai
Tomba irrompe a Sanremo
Jugoslavia-Italia, la prima telecronaca muta
Milan-Steaua, la Rai salva la diretta dallo sciopero
Con la Gialappa's Band si ride del calcio
Anche Berlusconi ha la diretta
Scozia-Italia tra Rai e Tele+
Il Giro d'Italia lascia la Rai
"Operazione Entebbe". Nasce il Giro d'Italia 1 (Massimo De Luca)
Il campionato va sulla pay Tv
"Quelli che il calcio...", da Fazio alla Ventura
Ungheria-Italia, la Nazionale solo su Canale 5
Arriva anche la pay-per-view
La Rai si riprende la Serie A
Mediaset e il campionato: incontrarsi e dirsi addio (Massimo De Luca)
La Serie A sulla Tv svizzera italiana, ma solo per due partite
Mondiali e Olimpiadi tra Rai e Sky

NON PERDETE IL LIBRO "SPORT IN TV. STORIA E STORIE DALLE ORIGINI A OGGI". UNA APPASSIONANTE STORIA DELLO SPORT IN TV DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA. UN GRANDE SUCCESSO DI CRITICA E DI PUBBLICO PER TUTTI GLI APPASSIONATI DI TV E SPORT.

La presentazione di Neri Marcorè del libro "Sport in Tv" nella trasmissione di RaiTre "Per un pugno di libri".



Il video del servizio del Tgr Lombardia sulla presentazione del libro "Sport in Tv" a "Sport Movies & Tv 2010"



Clicca per vedere il video della presentazione di Massimo De Luca del libro "Sport in Tv" a "Quelli che il calcio".

Italia-Israele, Messico 1970: sono passati 40 anni.

Clicca per leggere tutta la verita sulla gaffe, mai detta, di Mike Bongiorno al Rischiatutto.

Clicca per leggere quando sono nati i primi Tg1 e Tg2 a colori.

Clicca per ascoltare la sigla del cartone animato del 1976 "Il conte di Montecristo", per la prima volta dopo tanti anni.

ALCUNE RECENSIONI SCRITTE A PROPOSITO DI "LA TV PER SPORT"

Leggi la recensione di Aldo Grasso sul "Corriere della sera".
Leggi la recensione della Gazzetta dello sport.
Leggi la recensione di Gazzetta.it.
Leggi la recensione del Corriere dello Sport.
Leggi la recensione del Corriere del Ticino.
Leggi la recensione del Guerin Sportivo.
"La Tv per sport" alla "Domenica sportiva".
"La Tv per sport" al Tg2.
"La Tv per sport": cosa dicono del libro.
"La Tv per sport", un libro unico nel suo genere.

Nessun commento: