domenica 27 settembre 2015

"90° minuto" compie 45 anni: vi raccontiamo i primi anni della trasmissione dal 27 settembre 1970 al 1976

"SPORT IN TV", IL LIBRO DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA.

PER EVENTUALI ULTERIORI INFORMAZIONI SU "SPORT IN TV" SCRIVI A
pinofrisoli@yahoo.it
.


LEGGETE SU GAZZETTA.IT QUESTO BELLISSIMO ARTICOLO SUL GRANDE SHOW DELLO SPORT IN TV E CLICCATE SUL MI PIACE
http://www.gazzetta.it/Libri/10-01-2012/tra-storia-dietro-quinte-grande-show-sport-tv--804256828201.shtml


siti web

Domenica 27 settembre 1970, alle 18.00, andava in onda la prima puntata di "90° minuto". Sono dunque passati 45 anni. Un compleanno che arriva proprio la domenica e per questo merita di essere ricordato. La prima puntata di "90°minuto", presentata sui quotidiani dell'epoca come "risultati e notizie sul campionato di calcio", va in onda sul Programma Nazionale alle 18.00, prima giornata del campionato di Serie A 1970/71, preceduta alle 16.00 dalla Parigi-Tours di ciclismo e seguita alle 18.10 dalla Tv dei ragazzi. E' anzi probabile che "90° minuto" abbia aperto i programmi del pomeriggio e dunque sia stato preceduto dal Guglielmo Tell di Gioacchino Rossini, la sigla che dava inizio ai programmi Rai. E' infatti difficile pensare che la telecronaca della Parigi-Tours sia durata due ore visto che all'epoca si proponevano solo gli ultimi chilometri e l'arrivo delle corse di ciclismo. Finito "90° minuto" la Tv dei ragazzi prevedeva come prima trasmissione "Magilla Gorilla Show", cartoni animati di Hanna & Barbera. Quattro gli episodi in programma: "Combattimenti sull'arena", "Manovre al campo Frostbite", "Ride bene, chi ride ultimo" e "Sfida al fuorilegge". E' una giornata importante quel 27 settembre 1970 per l'Italia e infatti sul Programma Nazionale alle 21.00 è in programma la telecronaca diretta dell'arrivo al Quirinale del Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, in visita ufficiale in Italia. Alle 22.40, dopo lo spettacolo "Una serata con Domenico Modugno", parte "La Domenica Sportiva" che vede il debutto di Alfredo Pigna alla conduzione del più longevo programma della televisione italiana. Pensate che Alfredo Pigna, che sostituiva Lello Bersani a sua volta sostituto in corsa di Enzo Tortora nell'edizione 1969/70, vinse la concorrenza di Mike Bongiorno. Ma torniamo a "90° minuto". Gli ideatori della trasmissione, che già quel giorno aveva come sigla "Pancho" di Julius Steffaro, la stessa di oggi, sono Paolo Valenti, Maurizio Barendson e Remo Pascucci. Paolo Valenti e Maurizio Barendson sono nomi noti al pubblico, il primo in particolare per la radiocronaca del match di pugilato Benvenuti-Griffith che nel 1967 tenne in piedi gli italiani nonostante la mancata diretta televisiva per l'orario notturno, mentre il secondo è il caporedattore dello sport al Telegiornale, dove compare spesso per commentare i fatti sportivi; Remo Pascucci è invece il terzo uomo, il braccio che si muove dietro le quinte. Nei primi anni il programma dura non più di dieci-quindici minuti, il tempo di leggere i risultati, fornire la colonna vincente della schedina del Totocalcio e far vedere qualche immagine delle partite giocate a Roma o Milano, uniche sedi dove era possibile realizzare un servizio in breve tempo. Anno dopo anno, il programma aumenta la durata grazie anche alla maggiore disponibilità di immagini, ma soprattutto sale l'interesse. La coppia composta da Paolo Valenti e Maurizio Barendson rimarrà alla conduzione fino al 14 marzo 1976, ultimo giorno prima della riforma dei telegiornali Rai. A partire dalla settimana successiva, con la divisione tra Tg1 e Tg2, Paolo Valenti rimarrà da solo alla conduzione, mentre Maurizio Barendson diventerà responsabile dello sport del Tg2 e si occuperà anche della parte sportiva inserita nel programma "L'altra domenica" di Renzo Arbore. Purtroppo negli archivi Rai non risultano conservate puntate di "90° minuto" fino a tutta la stagione 1976/77. Risultano conservati solo alcuni filmati in pellicola di partite i cui inserti sono stati proposti nella trasmissione, ma nulla delle sigle e della conduzione in studio di Paolo Valenti e Maurizio Barendson. Per chiudere questo nostro ricordo dei primi anni di "90° minuto" ecco alcuni brani tratti dal libro "Sport in Tv".

Nei primi anni il programma dura non più di dieci-quindi minuti, il tempo di leggere i risultati, fornire la colonna vincente della schedina del Totocalcio e far vedere qualche immagine delle partite giocate a Roma o Milano, uniche sedi dove era possibile realizzare un servizio in breve tempo. Anno dopo anno, il programma aumenta la durata grazie anche alla maggiore disponibilità di immagini, ma soprattutto sale l'interesse. Maurizio Barendson racconta così, in un'intervista rilasciata a Tv Sorrisi e canzoni nel 1973, l'origine del programma: "Novantesimo nacque tre anni fa come una piccola cosa. Valenti ed io, che siamo i presentatori, partimmo da un'idea in un certo senso concorrenziale. Come uomini di televisione, non ci era sfuggita la sproporzione fin troppo evidente sul piano informativo fra radio e Tv rispetto al campionato di calcio e allo sport in genere. E non ci andava giù, a riprova che la concorrenza può essere un ingrediente necessario per una informazione rapida e completa. La radio doveva buona parte del suo orgoglioso rilancio proprio allo sport e specialmente a Tutto il calcio minuto per minuto, che è un perfetto esempio di trasmissione-staffetta, mentre la televisione, avendo costruito il suo successo sulla potenza delle immagini, si era un po' addormentata sugli allori da questo punto di vista. Bisognava rompere quindi gli schemi. Da principio fummo visti con diffidenza e incredulità. Forse ci temevano senza dirlo, forse erano davvero convinti che il tentativo sarebbe fallito. Non è stato così. La trasmissione, che era cominciata cautamente con una lettura di risultati, qualche telefoto e un paio di filmati, doveva in breve tempo rivelare le sue vere possibilità, che erano quelle di dare una documentazione, sia pure incompleta in alcuni casi, di tutte le partite di Serie A".
Particolarmente interessante la considerazione di Barendson su calcio e Tv, spesso accusata di allontanare il pubblico dagli stadi: "C'è anche chi ha pensato e pensa tuttora che innovazioni televisive come questa possano essere di danno al calcio. Sarà un caso, ma da quando i programmi della Tv sul calcio sono cresciuti, il diagramma che segna l'ingresso del pubblico negli stadi è tornato a salire. La verità è che se una cosa piace (e il calcio, bene o male che sia giocato, piace agli italiani) la Tv non può che assecondare il successo, aumentando la base dei conoscitori, da cui nasce l'esercito dei tifosi".
Oltretutto le statistiche dicono che il pubblico di "90° minuto" è composto al 65% da donne e tutto questo spinge i conduttori a usare un linguaggio comprensibile anche a un pubblico di non addetti ai lavori. Barendson immagina anche il futuro della trasmissione, che sembra tanto vicino ai programmi di oggi. "L'ambizione è quella di crescere. Pensate a un Novantesimo distribuito tutto l'arco della domenica, come tanti piccoli intervalli sportivi (non solo calcistici) tra un programma e l'altro".


NEL LIBRO "SPORT IN TV", DA NON PERDERE PER TUTTI GLI APPASSIONATI, SI PARLA ANCHE DELLA STORIA DEL CALCIO IN TV. VOLETE SAPERE TUTTO SULLE PRIME PARTITE DI CALCIO TRASMESSE IN TV? QUESTO E TANTO ALTRO SU "SPORT IN TV". NON PERDETELO!

CLICCA SUBITO PER ACQUISTARE "SPORT IN TV" SU AMAZON.IT A UN PREZZO IMBATTIBILE CON IL 15% DI SCONTO, A 12,92 EURO INVECE DI 16, CON UN RISPARMIO DI 3,08 EURO. DISPONIBILI SOLO 3 COPIE. NON PERDERE TEMPO, FATTI UN BEL REGALO!

La presentazione di Massimo De Luca del libro "Sport in Tv" fatta con Alessandra De Stefano su Rai Sport 2



DIVENTA FAN DEL LIBRO "SPORT IN TV", UN DIVERTENTE VIAGGIO NELLA STORIA DELLO SPORT, DELLA TV E DEL COSTUME ITALIANO, E FAI SAPERE SE TI E' PIACIUTO

NON PERDETE IL LIBRO "SPORT IN TV. STORIA E STORIE DALLE ORIGINI A OGGI". UNA APPASSIONANTE STORIA DELLO SPORT IN TV DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA. UN GRANDE SUCCESSO DI CRITICA E DI PUBBLICO PER TUTTI GLI APPASSIONATI DI TV E SPORT.

Ecco il sommario del libro "Sport in Tv". Il nome tra parentesi significa che il paragrafo è stato scritto da Massimo De Luca.

Prefazione (Massimo De Luca)
Introduzione

Gli anni del bianco e nero

Prima della televisione
Gli inizi
Il Bologna, prima squadra di calcio italiana ospite in Tv
Carosio, nascita di una leggenda (Massimo De Luca)
Juventus-Milan, la prima partita in Tv
Telecronisti: dai Maestri agli urlatori (Massimo De Luca)
Nasce "La Domenica Sportiva"
Le mille vite della "Domenica Sportiva" (Massimo De Luca)
Italia-Cecoslovacchia, l'Eurovisione e i Mondiali
Calcio in Tv, prime polemiche
Milano-Sanremo, ultimi 300 metri in diretta
Gronchi in ritardo a Monza
I primi anticipi televisivi
Cortina e la caduta di Caroli
Italia-Brasile, la Tv sportiva entra nei cinema
Il Tour de France finalmente in eurovisione
Norrkoeping-Fiorentina, prima diretta Rai di coppe europee
La sintesi della domenica e la nascita di "Tutto il calcio minuto per minuto"
L'Olimpiade di Roma
Il "Processo alla tappa"
Il "Processo alla tappa": un'epopea firmata Zavoli (Massimo De Luca)
Finalmente la mondovisione
Lazio-Juventus, la prima polemica della moviola
Italia-Cipro, arriva il replay
Italia-Bulgaria, il primo sciopero "azzurro" della Rai
Benvenuti-Rodriguez, una diretta molto costosa
Carosio e il guardalinee etiope
La vera storia di Carosio e del guardalinee etiope (Massimo De Luca)
Arriva "90° minuto"

Dal colore alla fine del monopolio

Arriva il colore, ma solo all'estero
Inter-Borussia Moenchengladbach, ci guadagna anche il Bologna
Babelis, la Tv del Rimini
Monaco '72, l'illusione del colore
La partita a telecamere fisse
La Tv svizzera italiana, prima alternativa alla Rai
Capodistria, la prima Tv tematica sportiva
Telemontecarlo, da "Puntosport" a "Galagoal"
Il ministro Togni vieta i Mondiali a colori
Il maxischermo del Palalido
Majorca e le prime imprecazioni in diretta Tv
La domenica del silenzio e la telecronaca quasi muta
"Tutto il calcio minuto per minuto" approda in Tv
Montreal 1976, torna il colore
Italia-Inghilterra e la diretta negata
Vietato giocare di notte in novembre (Massimo De Luca)
Finale Coppa Davis, il no alla telecronaca del Tg2
Coppa Davis 1976, un'emozione rovinata (Massimo De Luca)
Genoa-Torino, anche il campionato è a colori
"Diretta sport", i gol nell'intervallo
"Eurogol", rassegna dei gol delle coppe europee
Perletto, l'uomo che vinse due volte
La replica di Italia-Germania Ovest 4-3 lancia la Rete Tre
Lo sport delle Tv locali
Arriva "Il processo del lunedì"
Inter-Real Madrid, niente diretta per rispetto del pubblico pagante

Molte Tv, molto sport

Mundialito in Uruguay: fine del monopolio Rai
Assalto ai diritti del campionato
Il Mundialito di Berlusconi e la censura Rai
Canale 5 prende i diritti delle coppe e ci prova con l'Olimpiade
Italia-Germania Ovest 3-1, record assoluto di telespettatori
"Tuttocoppe minuto per minuto" arriva in Tv
Coppa Intercontinentale, diretta solo in Lombardia
"Tutto il calcio minuto per minuto", la Tv entra in studio
Il debito del calcio verso la radio (Massimo De Luca)
Real Madrid-Napoli tra Berlusconi, Odeon e Rai
Tomba irrompe a Sanremo
Jugoslavia-Italia, la prima telecronaca muta
Milan-Steaua, la Rai salva la diretta dallo sciopero
Con la Gialappa's Band si ride del calcio
Anche Berlusconi ha la diretta
Scozia-Italia tra Rai e Tele+
Il Giro d'Italia lascia la Rai
"Operazione Entebbe". Nasce il Giro d'Italia 1 (Massimo De Luca)
Il campionato va sulla pay Tv
"Quelli che il calcio...", da Fazio alla Ventura
Ungheria-Italia, la Nazionale solo su Canale 5
Arriva anche la pay-per-view
La Rai si riprende la Serie A
Mediaset e il campionato: incontrarsi e dirsi addio (Massimo De Luca)
La Serie A sulla Tv svizzera italiana, ma solo per due partite
Mondiali e Olimpiadi tra Rai e Sky

NON PERDETE IL LIBRO "SPORT IN TV. STORIA E STORIE DALLE ORIGINI A OGGI". UNA APPASSIONANTE STORIA DELLO SPORT IN TV DI PINO FRISOLI E MASSIMO DE LUCA. UN GRANDE SUCCESSO DI CRITICA E DI PUBBLICO PER TUTTI GLI APPASSIONATI DI TV E SPORT.

La presentazione di Neri Marcorè del libro "Sport in Tv" nella trasmissione di RaiTre "Per un pugno di libri".



Il video del servizio del Tgr Lombardia sulla presentazione del libro "Sport in Tv" a "Sport Movies & Tv 2010"



Clicca per vedere il video della presentazione di Massimo De Luca del libro "Sport in Tv" a "Quelli che il calcio".

Italia-Israele, Messico 1970: sono passati 40 anni.

Clicca per leggere tutta la verita sulla gaffe, mai detta, di Mike Bongiorno al Rischiatutto.

Clicca per leggere quando sono nati i primi Tg1 e Tg2 a colori.

Clicca per ascoltare la sigla del cartone animato del 1976 "Il conte di Montecristo", per la prima volta dopo tanti anni.

ALCUNE RECENSIONI SCRITTE A PROPOSITO DI "LA TV PER SPORT"

Leggi la recensione di Aldo Grasso sul "Corriere della sera".
Leggi la recensione della Gazzetta dello sport.
Leggi la recensione di Gazzetta.it.
Leggi la recensione del Corriere dello Sport.
Leggi la recensione del Corriere del Ticino.
Leggi la recensione del Guerin Sportivo.
"La Tv per sport" alla "Domenica sportiva".
"La Tv per sport" al Tg2.
"La Tv per sport": cosa dicono del libro.
"La Tv per sport", un libro unico nel suo genere.

1 commento:

bla78 ha detto...

Grazie per il post! Visto questo programma su Cielo? Niente male come idea per sistemare le controversie in ufficio... E' molto divertente https://www.facebook.com/ideacreativa.it/videos/vb.44762806379/10153678687176380