lunedì 28 marzo 2016

Cruijff in Italia: Juventus-Ajax 2-1 e Napoli-Barcellona 1-1, amichevoli del 27 agosto 1969 e 25 maggio 1978

"RISCHIATUTTO. STORIA, LEGGENDE E PROTAGONISTI DEL PROGRAMMA CHE HA CAMBIATO LA TELEVISIONE".
IL LIBRO DI EDDY ANSELMI E PINO FRISOLI, INTRODUZIONE DI DANIELA BONGIORNO.
TUTTI I NOMI DEI CONCORRENTI, DELLE MATERIE DEL TABELLONE, I PROFILI DEI CAMPIONI E TANTO ALTRO
DA NON PERDERE PER TUTTI GLI APPASSIONATI DI STORIA DELLA TELEVISIONE E DI MIKE BONGIORNO
.

siti web




Vi abbiamo raccontato di quando Johan Cruijff vestì la maglia del Milan nel Mundialito del 1981 e di quando nel 1975 la Lazio si rifiutò, anche a causa di forti pressioni politiche, di affrontare il Barcellona del campione olandese allo stadio Olimpico di Roma nel 1975 nel secondo turno di Coppa Uefa. In questa occasione vi raccontiamo invece delle uniche due occasioni in cui il Profeta del gol giocò sui campi da calcio italiani con la maglia dei suoi due club storici, l'Ajax e il Barcellona, sempre in due incontri amichevoli. Con l'Olanda invece non ebbe mai occasione di giocare in Italia.
La prima volta di Johan Cruijff in Italia risale al 27 agosto 1969 quando al Comunale di Torino l'Ajax affrontò in amichevole la Juventus, allenata dall'argentino Luis Carniglia. Si giocò il 27 agosto 1969 alle 21.15 davanti a 42.000 spettatori, di cui 36.000 paganti, per un incasso di 51 milioni 593 mila 700 lire. Finì 2-1 per la formazione di casa con i gol tutti nel secondo tempo di Groot al 4', autorete di Krol al 14' su tiro di Vieri e gol del 2-1 dello stesso Vieri, papà di Christian, al 30'. Cruijff, intervistato da "La Stampa" a fine partita dà un parere sulla Juventus: "Ottima squadra. Considerando che è ancora a corto di preparazione la si può quasi paragonare come valore al Milan. Dispone di ottimi giocatori come Vieri, Anastasi, Salvadore e Del Sol, mentre Haller non mi è parso nelle migliori condizioni. Il tedesco può fare senz'altro di più". Sulla marcatura di Del Sol, definita spietata dall'intervistatore Franco Costa, Cruijff risponde così: "Più che spietata dura. Mi ha riempito le caviglie di lividi". Sul risultato invece afferma: "Avremmo preferito vincere, ma per noi in sostanza non era che un'amichevole e crediamo di aver contribuito a divertire tutto questo pubblico, anche se abbiamo perso".
Per rivedere Cruijff in Italia bisognerà aspettare fino al 1978, prima dei Mondiali di Argentina che il fuoriclasse olandese non aveva voluto giocare, quando il Barcellona giocò un amichevole contro il Napoli allo stadio San Paolo con Cruijff giunto ormai alla fine della sua esperienza da calciatore nel club blaugrana. Si giocò giovedì 25 maggio 1978 e la partita finì 1-1 con i gol nel primo tempo di Esteban al 13' e Ferrario al 24'. Cruijff, attrazione della serata in un Barcellona privo dei nazionali spagnoli e dell'altro olandese Neeskens, tutti impegnati in vista dei Mondiali argentini, era marcato da Vinazzani e non lasciò il segno, mentre il Napoli schierava la formazione migliore, con Juliano, Savoldi (acquistato nel 1975 per due miliardi di lire dal Napoli, che lo prelevò dal Bologna, e che gli valse il soprannome di "Mister due miliardi", il più costoso affare di mercato mai portato a termine nel mondo del calcio professionistico fino ad allora; Cruijff nel 1973 era costato al Barcellona poco più di un miliardo di lire dell'epoca) e Chiarugi.
Queste le formazioni di Napoli e Barcellona:
NAPOLI: Mattolini, La Palma, Ferrario, Restelli, Catellani, Stanzione, Vinazzani, Juliano, Savoldi, Pin, Chiarugi
BARCELLONA: Mora, Perez, Juanio, Zuviria, Amarillo, Albalabeio, Bio, Vila, Cruijff, Carren, Esteban
ARBITRO: D'Elia di Napoli

BREVE VIDEO DI NAPOLI-BARCELLONA 1-1 DEL 25 MAGGIO 1978 TROVATO SU YOUTUBE


Cruijff, come ci ricorda l'amico Lucio Celletti, avrebbe potuto giocare allo stadio San Paolo il 10 dicembre 1969 in occasione di Napoli-Ajax 1-0, andata degli ottavi di finale di Coppa delle Fiere. Il fuoriclasse olandese era però squalificato e non potè giocare, mentre in campo c'era un altro giovane fuoriclasse olandese, Ruud Krol, che avrebbe vestito la maglia del Napoli dal 1980 al 1984. Cruijff era invece in campo nella partita di ritorno, che vide l'Ajax imporsi 4-0 dopo i tempi supplementari.

Da notare che mercoledì 24 maggio 1978 un altro grande avversario di Cruijff si era esibito su un campo di calcio italiano. Parliamo del tedesco Gerd Muller, avversario dell'olandese nella finale dei Mondiali del 1974 vinti dalla Germania Ovest, dove realizzò anche il gol del 2-1 decisivo, che con il Bayern Monaco aveva giocato all'Olimpico contro la Roma per la Coppa d'Estate. La formazione giallorossa si impose 2-0 con una doppietta di Casaroli al 13' e al 28' del primo tempo, stesso risultato e stesso marcatore della partita di andata.
SOTTO POTETE LEGGERE ANCHE I TRE ARTICOLI SU CRUIJFF AL MILAN, SULLA TRATTATIVA CON LA JUVENTUS E SU LAZIO-BARCELLONA DEL 1975 NON GIOCATA

CRUIJFF AL MILAN, SOLO UNA VOLTA IN ITALIA.

CRUIJFF, QUANDO NEL 1976 LA JUVENTUS ARRIVO' A UN PASSO DAL SUO INGAGGIO.

QUANDO NEL 1975 LA LAZIO SI RIFIUTO' DI AFFRONTARE IL BARCELLONA DI CRUIJFF IN COPPA UEFA.

Italia-Israele, Messico 1970: sono passati 40 anni.

Clicca per leggere tutta la verita sulla gaffe, mai detta, di Mike Bongiorno al Rischiatutto.

Clicca per leggere quando sono nati i primi Tg1 e Tg2 a colori.

Clicca per ascoltare la sigla del cartone animato del 1976 "Il conte di Montecristo", per la prima volta dopo tanti anni.

Nessun commento: